utenti collegati

Chiesa evangelica valdese di Prarostino

Chiesa evangelica valdese di Prarostino
Vai ai contenuti
La cappella del Roc
Dalle notizie che troviamo sulle circolari della Chiesa valdese di Prarostino, sappiamo che nel 1938, durante il ministero del past. Umberto Bert, si è cominciato a pensare alla costruzione di una Sala di riunioni al Roc. Nel 1939 si incrementa la raccolta delle offerte per questo scopo e si comincia la costruzione.

Riportiamo qui quanto scritto sulla circolare di ottobre 1939: “Abbiamo avuto, il 23 luglio, un'importante riunione nella Scuola Umberto I. Il Pastore, dopo un breve culto, ha comunicato la decisione del Concistoro di iniziare immediatamente i lavori per la costruzione della Sala. Veniva anche presentato in visione il magnifico progetto, dono del geometra E. Gardiol, di Torre Pellice, al quale esprimiamo tutta la nostra riconoscenza. Il pastore L. Marauda, Vicemoderatore, esprimeva la sua gioia di trovarsi con noi e trasmetteva le felicitazioni dell’Amministrazione della Chiesa per i risultati ottenuti, con l’augurio di poter presto veder realizzati i nostri progetti. Ci siamo dunque messi coraggiosamente all’opera. La Commissione (composta dai signori Avondet Davide, Gay Giosuè e Gardiol Umberto) ha svolto un lavoro enorme di organizzazione e di sorveglianza, e i lavori procedevano a ritmo accelerato mercé la buona volontà di tutti. Il materiale da costruzione era quasi tutto sul posto e le fondamenta erano scavate. Ai primi di settembre, però, la nostra gioventù ci è venuta improvvisamente a mancare [a causa della chiamata alle armi – NdR]. L’orizzonte oscuro e l’avvenire incerto ci hanno obbligati ad interrompere il nostro lavoro. Lo abbiamo ripreso, in questi giorni, con rinnovato entusiasmo”.

La costruzione viene terminata nel dicembre del 1939, come riportato dalla circolare della chiesa: “In questi ultimi mesi non sono mancate le preoccupazioni; abbiamo però la gioia di annunziarvi che la nostra Sala può considerarsi terminata. Restano ancora i lavori di tinteggiatura interna ed esterna che, per ovvie ragioni, devono essere fatti in primavera. Manca poi tutto l'arredamento che, per ragioni finanziarie, non sappiamo ancora quando potremo avere. Ma ci conforta il fatto che in soli dieci mesi il totale delle offerte ha superato le 9 mila lire! Come vedete il nostro ottimismo, che taluno poteva giudicare eccessivo, non era infondato. La Sala però, dato il subitaneo aumento dei prezzi, ci verrà a costare la bellezza di 15 mila lire. Essa ha però un valore che supera di molto quella somma, perchè non dobbiamo dimenticare che ci è stata offerta gratuitamente quasi tutta la mano d'opera, il trasporto di tutto il materiale da costruzione e le travi occorrenti per la costruzione. Possiamo proprio dire che il quartiere del Roc ha fatto il suo dovere e che, nonostante le apparenze, lo spirito di sacrificio non è ancora spento. Se possiamo registrare un risultato così incoraggiante lo dobbiamo alla Commissione che ha assolto molto lodevolmente il suo compito e che merita la gratitudine non solo del quartiere interessato ma di tutta la Parrocchia. Detta Commissione ha lavorato molto ed ha anche dato un esempio di generosità. Uno dei suoi membri era sempre pronto ad offrire giornate lavorative e trasporto di materiale quando nessuno era disposto a farlo; un altro ha offerto tutta la sabbia occorrente per la costruzione permettendoci di risparmiare una somma rilevante ed il terzo ha assolto il non facile ed ingrato compito di organizzazione dei lavori e di contabilità incitando numerosissime persone a compiere il loro dovere. Speriamo di pubblicare in primavera un paio di fotografie (facciata a mezzogiorno e a ponente) non tanto per fare una ben meritata "réclame" al capomastro Giazzi e al muratore Genre ai quali va la nostra riconoscenza, quanto per far conoscere quella Sala-Cappella, della quale parliamo da quasi un anno, a tutti i nostri amici che, unitamente ai nostri parrocchiani, ci aiuteranno a raggiungere la somma che è indispensabile”.

Dalla relazione morale 1939-40 apprendiamo che anche l’arredamento della cappella è in via di completamento: “La costruzione della Sala è finalmente terminata. L'arredamento ci sarà consegnato fra pochi giorni. Ci stiamo anche preoccupando dell'acquisto di una stufa per il riscaldamento del nostro locale. Siamo riconoscenti verso il Signore che ci ha permesso di realizzare i nostri piani e ringraziamo i nostri amici che, con la loro generosità, ci hanno fornito i mezzi indispensabili”.
La cappella viene inaugurata ufficialmente il 27 ottobre 1940, come desumiamo dalla foto in prima pagina della circolare di dicembre di quell'anno.

Oggi nella cappella del Roc si celebra il culto alla quarta domenica di ogni mese, vi si svolgono alcune riunioni quartierali e la Corale vi tiene regolarmente le prove di canto.


Torna ai contenuti